West USA

Coyote Buttes North: The Wave, l’onda perfetta

23 ottobre 2016

Coyote Buttes, è una delle aree più suggestive della  Paria Canyon – Vermillion Cliffs Wilderness, si trova a cavallo tra lo Utah e l’Arizona dove all’interno, nella zona a nord, si nasconde un luogo di rara bellezza, unico al mondo: The Wave.

dsc_0300

The Wave, è un’onda perfetta dalle mille sfumature del rosso scavata nella roccia e scolpita dalle intemperie.
La prima volta che, girovagando su google, l’ho vista in foto ho subito pensato “Voglio andarci!” e così è stato.
Purtroppo, ma anche per fortuna, è più facile a dirsi che a farsi perchè per accedervi c’è solo un modo ed è la vincita del permesso che può avvenire solamente in due casi:

  1. con la lotteria on line direttamente sul sito governativo ufficiale BLM dell’Arizona
  2. con la lotteria sul posto il giorno antecedente l’ingresso presso il Visitor Center del Grand Staircase-Escalante NM a Kanab.

Questo luogo è talmente prezioso che i permessi sono solamente 20 al giorno, 10 ottenibili con la lotteria on line e 10 con quella in loco.

img_6692

Noi tentiamo di sfidare la fortuna e così nel mese di aprile seguiamo tutta la procedura per aggiudicarci i pass tramite la lotteria on line. Infatti se si vuole un permesso per il mese di agosto, occorre registrarsi 4 mesi prima, quindi nel nostro caso in una data compresa fra l’1 e il 30 aprile. Si possono scegliere 3 date in ordine di priorità e un calendario permette di vedere il numero di richieste già presentate per ogni giorno. Si registrano i dati personali e quante persone per cui si richiede il pass, si conclude l’operazione pagando una tassa di $5 tramite carta di credito.
Il primo del mese successivo si svolge la lotteria, che assegna 10 permessi per ogni giorno del mese ma in realtà si intende 10 persone: ad esempio se si iscrive alla lotteria un gruppo di 4 persone tutte per un pass, e viene estratto per primo, restano 6 posti disponibili.

dsc_0278

Acquistiamo 2 pass verso fine mese, uno a testa per accedere entrambi e nella scelta delle tre date indichiamo sempre lo stesso giorno, l’8 agosto, in modo da aumentare le probabilità di vincita.
E attendiamo. E ci crediamo tantissimo.

“Congratulations!

You were selected in our lottery application process for a Coyote Buttes North permit.”

Ok, calma. Rileggo la mail 3-4 volte ma già dalla seconda inizio a saltellare sulla sedia. Era più che chiaro.
La mia richiesta era stata sorteggiata.

Non potevamo crederci. Più di 700 richieste per il giorno che avevamo scelto  e avevamo vinto. VINTO.

La mail viene inviata il giorno stesso dell’estrazione sia in caso di vincita che di perdita, per ottenere i pass occorre concludere la registrazione sul sito entro due settimane dalla ricezione della stessa e pagare il permesso 7$ a persona. I pass vengono inviati a casa in formato cartaceo insieme ad una lettera contenente indicazioni su cosa portare con sè, una serie di avvertenze soprattutto per chi si reca a The Wave nei periodi estivi, in quanto le temperature nelle ore centrali sono elevate e infine una mappa cartacea.
Ebbene sì, perchè una volta arrivati al Wire Parking Area, dopo aver percorso in auto la House Rock Valley Road, una strada sterrata di circa 15 km che sembrava non finire più, inizia il trail a piedi per raggiungere The Wave che è privo di indicazioni di qualsiasi genere.

img_6603

Quel giorno la sveglia suona all’alba, vogliamo affrontare il trail quando ancora il sole è basso. L’adrenalina è alle stelle tanto che quando il telefono alle 4 inizia a suonare, scatto come una molla.
Attendevo questo giorno come un bambino attende la mattina di Natale.
Negli zaini, preparati la sera prima, mettiamo 4 litri a testa tra acqua e sali minerali e qualche provvista. Una volta arrivati al parcheggio lasciamo metà pass ben in vista sul cruscotto della macchina e l’altro lo appendiamo al mio zaino, segniamo il nostro ingresso nel registro cartaceo.
Armati di mappa con riferimenti fotografici, crema solare, macchina fotografica e testa coperta iniziamo il trail: in totale un round trip di circa 9 km. Tenendo un buon passo, in circa un’ora arriviamo all’onda.
The Wave rimane nascosta dietro a delle formazioni rocciose, l’impatto è ancora più forte perchè senza rendertene conto ti ritrovi dentro l’onda. A far da cornice a questa giornata perfetta, il cielo che sembra la tavolozza di un pittore, di un azzurro intenso mai visto. Il sole, alto sopra di noi, con i suoi raggi che corrono lungo le linee perfette scavate nella roccia, da un senso di movimento indescrivibile.
Scattiamo foto, ci arrampichiamo in alto e poi torniamo giù, vogliamo goderci lo spettacolo da ogni angolazione possibile.
Vorremmo fermare il tempo che invece ci sembra passare più veloce del solito.
I nostri stomaci iniziano a brontolare così prendiamo i nostri panini dallo zaino e ci arrampichiamo nel punto più alto in modo da continuare a contemplare l’onda anche da seduti mentre mangiamo, non vogliamo sprecare neanche un minuto.

Restiamo in contemplazione in silenzio quasi  non voler disturbare tanta meraviglia. E’ davvero un luogo unico.
Ci sentiamo fortunati. Dei privilegiati. Ci sentiamo vivi.

dsc_0213

dsc_0281

dsc_0333

Coyote Buttes North non è solo The Wave, così su consiglio di un volontario del posto che arriva poco dopo di noi per fornire informazioni ai 20 fortunati e controllare i pass della giornata, esploriamo la zona tutta attorno che è semplicemente spettacolare.
Vediamo “The Second Wave” e altre formazioni rocciose che ti chiedi come possa la natura realizzare opere così perfette.
Dopo esserci riempiti gli occhi di tanta meraviglia purtroppo è arrivata l’ora di tornare, per quanto vorremmo rimanere li in eterno il nostro viaggio deve continuare perciò ci mettiamo in cammino. Fortunatamente ci ricordiamo il percorso di andata senza difficoltà, stanchi ma felici arriviamo al parcheggio.

Porteremo quest’irripetibile esperienza con noi per sempre, quando ripensiamo a quel giorno e alla fortuna che abbiamo avuto ancora stentiamo a crederci, ma una foto sviluppata di noi seduti all’interno di The Wave se ne sta lì, appesa sul frigo, a ricordarci questo giorno indimenticabile.

dsc_0219

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *