Lapponia

Cosa fare a Tromsø

13 ottobre 2016

Facendo base a Tromsø le attività e le escursioni da fare sono davvero tantissime, tutte uniche e indimenticabili.

Aurora boreale
Ci sono tantissime agenzie in città che propongono la serata alla ricerca dell’aurora boreale, noi ci  siamo affidati al tour locale NorthenShots Tours, lo staff è formato da ragazzi italiani davvero preparati e in gamba. Il loro ufficio si trova vicino al centro del turismo da dove alle ore 18 si parte, ci si allontana dal centro abitato e si ritorna dopo diverse ore. Si tratta di una vera e propria caccia, ci si sposta con il pullman fino a quando non si trova una buona zona dove vedere l’aurora, il costo è di 105 € a persona se non dovesse far capolino per tutta la serata applicano uno sconto del 50% su un secondo tour. Se rimanete diversi giorni a Tromsø con un centinaio di euro in più è possibile fare il pass che vi permetterà di aderire ai tour tutte le sere di una settimana fino a quando non vedrete l’aurora. Organizzano anche tour privati di massimo 8 persone. Durante la serata offrono cioccolata calda e biscotti nell’attesa che la regina del cielo inizi a danzare. Sul loro sito potete vedere il calendario con le foto di ogni tour, se non la vedono tutte le sere poco ci manca.

img_3561

Notte in tenda Sami
Appena ho letto che c’era la possibilità di dormire una notte in una tenda Sami ho cercato immediatamente quale agenzia locale poteva farci vivere un’esperienza simile. Ci siamo affidati a Lyngsfjord Adventure che, oltre alle classiche escursioni, propone il pacchetto “Overnight stay”. Si può scegliere un’attività per la serata tra slitta con renne, con cani, motoslitta oppure aurora boreale. Noi abbiamo scelto quest’ultima ma con il senno di poi avremmo scelto la motoslitta in quanto l’aurora ha iniziato a danzare proprio quando siamo tornati nel campo tendato. Per cui se si sceglie di rimanere a dormire, pagando poco di più consiglio di scegliere un’altra attività, se sarà serata d’aurora la vedrete comunque. Per il pernottamento offrono tre tipi di sistemazione: la tenda Sami, una vera e propria tenda condivisa fino a 12 persone. La Wilderness cabin, una sorta di casetta di legno anche questa condivisa fino a 12 persone e infine l’Aurora Chalet, un piccolo chalet in legno per massimo due persone dove uno dei lati del tetto ha una finestra posizionata nella direzione delle Northern Lights. La mattina seguente, dopo la colazione, ripropongono le stesse escursioni della sera precedente (tranne quella dell’aurora naturalmente). Noi abbiamo scelto la dog sledding, slitta trainata dai cani. Si rientra in città alle 16 circa. Il costo per tutto il pacchetto, compreso di pasti (cena, colazione e pranzo) più abbigliamento (stivali, tuta, guanti e colbacco) e pullman a/r è di € 400 a persona. Non proprio economico ma vi assicuro che ne vale assolutamente la pena.

img_3365

Dog sledding
La slitta trainata dai cani è un vero must di questo viaggio. Noi l’abbiamo fatta con il pacchetto della notte in tenda Sami. Volevamo goderci i paesaggi innevati perciò abbiamo deciso di farla con la luce quindi la mattina seguente. Dopo aver ricevuto le istruzioni su come guidare la propria slitta,  si decide chi è il pilota e chi il passeggero. Tranquilli, si avrà poi la possibilità di scambiarsi a metà tragitto. Il percorso ha una lunghezza complessiva di circa 15 km. Quindici chilometri immersi in un silenzio ovattato dove l’unico piacevole rumore è quello delle zampe dei cani che veloci affondano nella soffice neve. Una meraviglia per gli occhi ma anche per le orecchie. La cosa più sorprendente è vedere come i cani, una volta imbragati alle slitte, si agitano e vogliono partire. Quando freni o ti fermi del tutto si girano verso il pilota e guardandoti è come se ti dicessero “sei pazzo?! Perchè ci siamo fermati??” si agitano tantissimo fino a quando non lasci il freno e li lasci correre perfettamente allineati. Ci hanno spiegato che sono molto competitivi, per loro è qualcosa di innato e la sensazione che trasmettono è proprio questa. Alla fine del percorso si ritorna al campo dove, dopo aver ringraziato i cani con tante coccole, viene servito un pasto caldo in un lavvu (tenda Sami pastori).

img_9213

Whale watching
Questa escursione è possibile farla da fine ottobre a metà febbraio ovvero nel periodo in cui alcuni dei più grandi mammiferi del mondo visitano la costa appena fuori Tromsø per nutrirsi di aringhe. Le specie più comuni di balene che è possibile vedere in questa affascinante escursione sono megattere, killer whale (orca), focene, delfini e talvolta anche la balenottera comune.
Noi ci siamo recati al porto di buon ora e abbiamo scelto una delle tante barche in partenza, esattamente la compagnia Artic Explorer che propone questa escursione al costo di circa € 130 a persona. Le barche partono tutti i giorni alle 9 dal porto di Tromsø – Kystens Hus e sono molto capienti. Una volta raggiunto il sito di alimentazione dei mammiferi la durata è di circa un paio d’ore per poi rientrare in porto prima di mezzogiorno. Volendo viene fornita la tuta termica in modo da poter stare anche in esterno sul pontile della nave senza rischiare il congelamento. Gli avvistamenti non sono garantiti ma con nostra grande sorpresa sono stati tantissimi, vicinissimi e continui.
Uno spettacolo davvero incredibile che non dimenticheremo tanto facilmente, il cielo dalle mille sfumature dove il timido giorno si fonde con la notte, la meraviglia dei mammiferi nel loro habitat naturale mentre nuotano, saltano, si immergono per poi ritornare a galla soffiando, il tutto nel silenzio dei fiordi ghiacciati.

img_3588

Queste sono le escursioni che abbiamo fatto nei nostri giorni di permanenza a Tromsø ma le cose da fare sono davvero tantissime, tempo e budget permettendo c’è solo l’imbarazzo della scelta: si può fare la slitta trainata dalle renne oppure se volete provare l’emozione della velocità sulla neve potete guidare una motoslitta. Anche la ciaspolata è una bellissima attività da prevedere, da fare in autonomia o con una guida del posto magari di sera mentre si va a caccia dell’aurora.

Vi segnalo un paio di altre attività “extra” da prendere in considerazione:

Hurtigruten
Meglio conosciuto come “Il postale dei fiordi” si tratta del postale norvegese, cioè una nave da lavoro che trasporta merci, posta e passeggeri lungo la costa della Norvegia. Il pacchetto che propongono è composto dal trasporto e eventuale pernottamento e pasti se si rimane a bordo per più giorni. Essendo una nave da lavoro, non può essere paragonata a una da crociera come si potrebbe pensare. Le dimensioni sono simili ma è molto più spartana e non è prevista alcuna attività o extra durante la navigazione. L’itinerario completo il “Classic Roudtrip Voyage” copre la tratta Bergen-Kirkenes A/R e dura 12 giorni, ma propongono diverse soluzioni infatti si può scegliere di compiere solo la tratta di andata oppure di imbarcarsi sul postale in qualsiasi porto e navigare solo per alcuni giorni. Il costo varia a seconda della tratta e, se per più di un giorno, dal tipo di cabina scelto. Per ogni tappa è previsto uno stop di qualche ora, se si decide di scendere per visitare la città attenzione a rispettare i tempi perchè non aspetta i passeggeri ritardatari. La nave volendo organizza le escursioni da fare per ogni città dove ferma alle quali si può aderire pagando direttamente in loco.

Polar park
Si tratta del parco polare più a nord del mondo, dista circa 2 ore e mezza di auto da Tromsø, qui si possono vedere tantissimi animali come orsi, lupi, linci, volpi, cervi, alci e renne. L’ingresso per un adulto costa circa € 24, i bambini sotto i 15 anni € 14.  Per raggiungerlo si può prevedere di prendere un auto a noleggio oppure il pullman direttamente da Tromsø. Organizzano diverse attività che potete vedere sul loro sito ufficiale, quella più interessante, che noi purtroppo non siamo riusciti a fare, è senz’altro l’incontro ravvicinato con i lupi. E ‘possibile effettuarla tutto l’anno ma solo su prenotazione. Consigliano in particolare la stagione invernale, quando il parco è ricoperto di neve. Infatti i lupi sono più attivi in inverno, specialmente nel periodo dell’accoppiamento che va da febbraio ad aprile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *